Home    About me    Publications    Blog    Tweets    Contacts

Fabio Ruini's blog

'cause Italians blog better

Tails: The Amnesic Incognito Live System

Tails: The Amnesic Incognito Live Systems, da poco arrivata alla sua versione 0.10.1, e’ una distribuzione Linux basata su Debian Live che si propone tre semplici obiettivi. Aiutare qualsiasi suo utente a:

  • use the Internet anonymously almost anywhere you go and on any computer: all connections to the Internet are forced to go through the Tor network;
  • leave no trace on the computer you’re using unless you ask it explicitly;
  • use state-of-the-art cryptographic tools to encrypt your files, email and instant messaging.

L’interfaccia di Tails e’ pulita ed essenziale, nel tipico stile Gnome, così come testimoniato dallo screenshot che segue.

Come accennato nell’elenco puntato qui sopra, tutti i software inclusi nella distribuzione sono configurati in maniera tale da utilizzare esclusivamente la rete Tor (acronimo che sta ad indicare “The onion router”). Ogni tipo di connessione diretta viene bloccata sul nascere.

Il funzionamento di Tor e’ concettualmente molto semplice. Nel momento in cui, ad esempio, si configura il browser del proprio computer per utilizzare questo network, tutto il traffico non viene inviato direttamente alle destinazioni ricercate, ma passa attraverso una rete di relays che rimbalzano tra di loro la richiesta fino a farla arrivare a destinazione. Il processo vale anche in fase di ricezione e, a vari stadi del processo, parti dei dati trasferiti vengono crittate e decrittate. E’ solo il client, cioè la macchina dalla quale parte la richiesta originaria, ad essere a conoscenza dell’intero percorso che i pacchetti dovranno seguire per arrivare a destinazione. Ciascuno dei relays conosce soltanto a chi e’ che vede inviare i pacchetti che passano per le sue mani. In questo modo diventa pressoché impossibile per un’autorità riuscire a controllare chi si celi effettivamente dietro ad una certa richiesta. In altre parole chi abbia visitato un certo sito web, chi abbia scritto un certo messaggio, eccetera.

Per saperne di piu’ su Tor e’ possibile trovare in rete moltissimo materiale. Innanzitutto la documentazione ufficiale ed una piu’ generica overview del servizio. Abbiamo poi una buona pagina Wikipedia dedicata. Ed infine un paio di pubblicazioni scientifiche: Tor: The Second-Generation Onion Router, presentato ad USENIX ’04 ed Anonymity Loves Company: Usability and the Network Effect, discusso durante WEIS 2006 (The Fifth Workshop on the Economics of Information Security).

Non ci sono ancora commenti. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: